Fano Rugby-Castel San Pietro: finalmente si torna a giocare in casa

5

La vittoria manca dal 27 gennaio (Anconitana-Fano 8-30, prima dei play out) il calore dei tifosi amici addirittura da addirittura tre mesi. Sia chiaro, non che in trasferta il Fano Rugby non abbia supporter al seguito ma sicuramente giocare in casa può darti quella spinta in più che al Fano manca dal 12 dicembre, ultima sfida giocata al Falcone-Borsellino (Fano-Macerata, penultima giornata della prima fase).

Aldilà del dato statistico, il ritornare a giocare nell’impianto di Via Tomassoni è visto come manna dal cielo dalla squadra rossoblù che domenica alle 15.30 si prepara ad affrontare il Castel San Pietro nella sfida valida per la quarta giornata della poul “passaggio”, vale a dire il raggruppamento al termine del quale 5 squadre festeggeranno la permanenza in C1 e una retrocederà in C2.

Di fronte a Gabriele Breccia e compagni ci sarà quella che attualmente è il fanalino di coda del girone con 1 solo punto contro i 6 dei fanesi, va da se quindi che una vittoria significherebbe mettere una seria ipoteca sulla permanenza nella prima serie regionale.

“Finalmente torniamo a giocare in casa dopo quasi tre mesi – afferma il tecnico Walter Colaiacomo -. Onestamente lo scendere in campo sempre fuori iniziava a farsi pesante e sono convinto che i ragazzi daranno il 100% in quello che sarà una sorta di secondo debutto stagionale. Facendo i debiti scongiuri, dovremmo anche recuperare diversi ragazzi che sono fuori per infortunio da tempo e che saranno sicuramente utili alla causa. In settimana abbiamo analizzato gli errori commessi domenica a Macerata e negli occhi dei ragazzi ho visto tanta voglia di riscatto”.

Come sempre, il tecnico guarda più al lato tecnico che alla classifica e non lesina complimenti a chi in questo periodo ha avuto il compito di sostituire gli infortunati. “Ribadisco – conclude – che ho a disposizione elementi validi sotto ogni punto di vista. In questi mesi gli Under 18 ma in generale tutti i giocatori sono cresciuti tanto adattandosi anche a ruoli non propri e questo tornerà sicuramente utile a tutto il movimento Fano Rugby”.

Giocherà in casa anche l’Under 14, impegnata domenica alle 10 in un triangolare contro Pesaro e Falconara mentre il minirugby sarà impegnato sabato a Falconara solo con la Under 12 che per l’occasione si presenterà con squadra completa accompagnata dal presidente Giorgio Brunacci. Non ci saranno i genitori al seguito in quanto impegnati “in casa” per delle lezioni teoriche e pratiche con gli allenatori delle varie categorie baby, a dimostrazione che il rugby, è proprio il caso di dirlo, è una questione di cuore e di famiglia.

Rugby C1, Fano a caccia del bis

3

Dall’ultima gara ufficiale sono passati 21, dalla penultima addirittura 35. Restare “caldi” e concentrati con tutte queste pause non è sicuramente facile ma il Fano Rugby in queste settimane ha continuato ad allenarsi e fare amichevoli e segni di ruggine sui muscoli dei fanesi non sembrano esserci.

Domenica 17 febbraio sarà di nuovo campionato e la truppa di Walter Colaicomo e Franco Tonelli sarà impegnata nella seconda trasferta consecutiva in programma a Faenza alle 14.30. La sfida, valida per la seconda giornata della poule salvezza, arriva dopo la convincente vittoria esterna dell’esordio ottenuta per 30-8 sul campo dell’Anconitana, squadra che i rossoblù avevano già superato due volte durante la regular season.

Quella di domenica invece sarà una “prima volta” per il Fano che si troverà di fronte una squadra che nella prima fase ha conquistato 21 punti (1 meno del Fano) vincendo in casa due delle 5 partite in programma.

Tante le incognite dunque per capitan Gabriele Breccia e compagni che arrivano comunque pronti alla sfida, come conferma il tecnico, Walter Colaiacomo: “Saliamo a Faenza per fare risultato – ammette -. Anche domenica daremo spazio agli under e a chi ha giocato meno fin qui sfruttando queste partite anche per fare degli esperimenti in ottica futura. In queste settimane ci siamo allenati bene affrontando anche in amichevole lo Jesi (serie B), i ragazzi sono tranquilli e sereni e sono sicuro che faranno bene”.

Ricordiamo che al termine delle 10 partite previste in questa fase chiamata dalla Federazione “passaggio”, l’ultima classifica retrocederà in C2 mentre le altre festeggeranno la salvezza in C1.

Nel week end in campo anche tante formazioni juniores: il minirugby sarà impegnato sabato alle 15.30 al campo Toti Patrignani di Pesaro, squadra al gran completo con una formazione per ogni categoria dalla u8 alla u12.

L’Under 16 darà il via alla seconda parte di stagione con la trasferta di Ascoli (domenica ore 11) mentre l’Under 14 giocherà al Falcone-Borsellino prima dei “grandi” contro Falchi Urbino (ore 10) e Fermo (ore 11).