Primo impegno del 2019 in attesa dei play out

_IMG7926

Non ha nessun significato ai fini della classifica ma conta eccome sotto tanti altri aspetti. Il Fano Rugby, dopo quasi un mese di stop, torna in campo domenica 13 gennaio e lo fa in casa del San Benedetto in quella che sarà l’ultima partita della prima fase del campionato di C1 girone E.

La sconfitta nell’ultima apparizione del 2018 contro la Polisportiva Abruzzo ha “condannato” il team del presidente Giorgio Brunacci ai play out, dovendo abbandonare così il sogno play off che mai come quest’anno sembrava a portata di mano. La sconfitta del 16 dicembre al Falcone-Borsellino contro la Polisportiva Abruzzo, infatti, ha matematicamente estromesso i rossoblù dalla corsa per giocarsi l’accesso alla serie B e dal prossimo 27 gennaio occorrerà tirarsi su le maniche per cercare di mantenere la categoria.

Prima di tuffarsi anima e muscoli nella seconda fase c’è però da onorare l’impegno di domenica, una partita il cui risultato come già detto non conta ma che servirà per i tecnici Walter Colaiacomo e Franco Tonelli per vedere i progressi fatti dalla squadra, soprattutto da quegli elementi che per motivi di salute o tecnici sono stati fin qui poco impegnati.

“Cercheremo di smaltire sul campo la delusione dei mancati play off – spiega Colaicomo – con la consapevolezza comunque di aver fatto una buona prima fase. Dal 27 gennaio inizia per noi un nuovo campionato nel quale vogliamo innanzitutto centrare la salvezza il prima possibile e poi far crescere tutti i ragazzi della rosa e, a fare questo, inizieremo già da domenica dove probabilmente porterò con me a San Benedetto diversi ragazzi dell’Under 18 che si stanno allenando bene e meritano di vedere il campo da vicino”.

Il programma dell’ultimo turno prevede, oltre a San Benedetto-Fano anche le sfide tra Polisportiva Abruzzo-Macerata e Anconitana-Forlì, gare anche queste ininfluenti per la graduatoria finale con play off già in tasca di Forlì, San Bendetto e Pol. Abruzzo e play out per le restanti tre formazioni. Tutte le partite inizieranno alle 14.30.

E il campo da vicino lo vedranno anche quegli elementi della rosa che approfittando di questo mese di stop hanno potuto recuperare da infortuni e acciacchi vari e che sicuramente saranno utili alla causa per il proseguo della stagione.

E dopo diverso tempo tornano in campo anche i giovani della “cantera” del Fano Rugby a cominciare dall’Under 16 di Riccardo Sancilles e Alessandro Ascierto che riceve a domicilio i cugini del Pesaro  per quello che, qualsiasi sia la forma del pallone, è sempre un derby molto sentito da queste parti (ore 11.30).

Saranno impegnati in casa anche gli Under 14 di Alessandro Gasparini e Francesco Collacchi che alle 10.00 ospiteranno in un triangolare il Pesaro e i Falchi Urbino.

 

Match point fallito: anche quest’anno saranno play out

 

_IMG8216

Fallisce il match point il Fano Rugby e anche per quest’anno saranno play out. L’amaro verdetto è stato emesso dalla sfida di ieri contro la Polisportiva Abruzzo, un vero e proprio “dentro o fuori” per i rossoblù che perdendo dicono matematicamente addio alla possibilità di accedere alla poule per salire dalle C1 alla B.

I sei punti di distacco tra le due formazioni infatti, rendono ininfluente l’ultima gara della prima fase in programma a San Benedetto il prossimo 13 gennaio.

“E’ evidente che non siamo ancora maturi per affrontare partite di questo tipo”. E’ questo il laconico commento del tecnico Walter Colaiacomo a fine gara che pur non nascondendo la delusione per l’occasione fallita, elogia i suoi ragazzi: “Anche in questa occasione – spiega – hanno dato tutto e sono stati generosi dal primo all’ultimo minuto ma ci manca ancora la capacità di mantenere la tensione mentale per tutta la durata del match. I progressi che abbiamo fatto sono stati notevoli ed evidenti. Restiamo una squadra che continua a proporre gioco nonostante la forza degli avversari senza cercare di spezzettare il gioco e questo alla lunga pagherà. Speriamo che anche in questo caso le sconfitte possano aiutare a crescere e ora, superata l’amarezza, ci concentreremo per la seconda fase per cercare di mantenere il prima possibile la categoria”.

Il non riuscire a restare in partita fino alla fine è ben spiegato dall’andamento della gara con Fano che dopo aver chiuso sotto il primo tempo per 8-13, al secondo minuto del secondo tempo si è trovato addirittura a condurre per 15-13.

Da questo punto in poi però, la maggior esperienza degli ospiti ha fatto la differenza e fatta eccezione per un calcio di punizione di Stefano Rossolini al 12esimo, a segnare sono stati solo gli ospiti che grazie ad altre tre mete hanno chiuso il match sul 18-30.

Le due mete del Fano portano la firma di Mathias Canapini, di cui una trasformata.

_IMG8275

Perde in casa anche la formazione Under 16 con un punteggio abbastanza insolito: 0-5 il risultato con cui Perugia si impone al Falcone-Borsellino approfittando dell’unica distrazione dei padroni di casa che, al contrario degli ospiti, non riescono mai ad approfittare degli errori difensivi umbri per andare in meta.

Lunga ma redditizia trasferta per i ragazzi Under 14 del Fano Rugby impegnati ad Ascoli contro i padroni di casa e Ancona.

Il primo incontro ha visto i padroni di casa portarsi a casa l’intera posta dopo un combattuto incontro. Nella seconda partita contro Ancona la differenza tecnica dei ragazzi fanesi ha invece prevalso. Nel complesso tutto si è svolto regolarmente ed in un favorevole clima con rientro veloce a Fano per non far mancare il sostegno dei giovani rugbisti alla prima squadra.

index