Luca Primavera riceve il premio “Rugbista Emerito” dal comitato FIR Marche

Nella giornata di ieri, presso la sede del CONI regionale Marche, si è svolta l’Assemblea Regionale delle Società del comitato FIR Marche. A conclusione dell’incontro sono state effettuate le premiazioni dei Rugbisti Emeriti. Fra i tredici personaggi premiati, provenienti dalle varie società del panorama rugbistico regionale, è stato conferito il premio anche al nostro dirigente Luca Primavera.

Classe 1962, imprenditore e appassionato di rugby, tifoso sempre in prima linea del Fano Rugby ed in particolar modo del figlio Michele, Luca Primavera ormai da anni apporta un grande contributo al nostro club fanese. Motivazione della candidatura è stata infatti la seguente: “ Da cinque anni ininterrottamente collabora con la società per rendere sempre migliore la struttura e l’accoglienza del club”. Ed effettivamente, da ben cinque anni, il nostro caro Luca passa tutti i sabati pomeriggio e festività varie al campo da rugby insieme al fidatissimo Tiziano “Titti” Ceccarelli, “socio” nei piccoli e grandi lavori che vengono effettuati per migliorare l’accoglienza del Falcone Borsellino.

“Il contributo di Luca al Fano Rugby non è quantificabile” – commenta il presidente Giorgio Brunacci – “senza ombra di dubbio posso ammettere di ritenere Luca la persona più concreta incontrata in vita mia. Ogni tanto ci sorprende con nuove idee e nuovi progetti, e la cosa più sbalorditiva è che poi trasforma tutto in concretezza. Uomo pieno di energie e sempre di parola, un uomo di altri tempi. Vogliamo tutti tanto bene al nostro Luca”.

Da sinistra: Roberto Ciavaglia (Resp. Minirugby per il Fano Rugby e consigliere della Fir Marche), Giorgio Brunacci (presidente Fano Rugby), Luca Primavera, Francesco Livi (vicepresidente Fano Rugby e delegato provinciale PU Fir), Maurizio Longhi (presidente comitato FIR Marche)

Da sinistra: Roberto Ciavaglia (Resp. Minirugby  Fano Rugby e consigliere della Fir Marche), Giorgio Brunacci (presidente Fano Rugby), Luca Primavera, Francesco Livi (vicepresidente Fano Rugby e delegato provinciale PU Fir), Maurizio Longhi (presidente comitato FIR Marche)

 

Ultima di campionato ma sguardo già al futuro: il Fano Rugby non si ferma mai

meta breccia

L’ultima sfida dell’anno è lo specchio fedele di quello che è stato l’andamento della stagione: disattenzioni, cali di concentrazione e un po’ di sfortuna da un lato, tanta voglia, impegno e spirito d’adattamento dall’altro. Il Fano Rugby si congeda dal campionato di serie C perdendo a Ravenna in un match che per come si è sviluppato ha molte analogie con sfide passate.

L’infortunio di Matteo Goffi nel riscaldamento che ha costretto l’atleta fanese a giocare il primo tempo in condizioni precarie, ha tenuto a battesimo la giornata ravennate dei fanesi che però, così come tante altre volte in passato, hanno fatto di necessità virtù senza scomporsi, trovando addirittura il vantaggio con una punizione di Alessandro Gasparini.

A rovinare i piani dei ragazzi di Walter Colaiacomo e Franco Tonelli è il giallo sventolato a Luca Amadori subito dopo la meta dei padroni di casa che così con l’uomo in più, approfittando anche di un calo mentale degli ospiti, allungano segnando tre mete.

A suonare la carica è il capitano Gabriele Breccia che segna a cavallo tra primo e secondo tempo due mete portando i suoi a ridossi degli avversari (17-15) e dando alla sfida tutto un altro sapore. E’ un altro giallo però a far prendere alla sfida la direzione di Ravenna con i neri di casa che, in 15 contro 14, segnano due mete nel giro di 8 minuti chiudendo di fatto la pratica.

Dalla metà del secondo tempo spazio alla girandola delle sostituzioni e tabellino finale che segna 38-22 per il Ravenna, un passivo forse pesante per i rossoblù che comunque ancora una volta hanno dimostrato di essere sul pezzo, come conferma il coach: “E’ vero che in stagione sono state di più le sconfitte che le vittorie – ammette Colaiacomo – ma è altrettanto vero che la crescita è stata esponenziale e questo mi rende assolutamente fiducioso per il futuro. Abbiamo schierato ben 45 ragazzi durante l’anno e questo è segno del grande attaccamento alla maglia di tutti e del gran lavoro fatto. La nuova stagione per noi è già iniziata, continueremo ad allenarci ancora per qualche settimane prima della pausa estiva ma negli occhi dei giocatori, al fischio finale, ho visto una gran carica e una voglia che solitamente sono comuni ad una stagione che sta per iniziare non a una che è appena finita. Quest’anno abbiamo gettato le basi, il prossimo sono sicuro che arriveranno anche i risultati”.

SETTORE GIOVANILE

U16 Fano 17-Sparvieri 5: Con le mete di Beu e Piras e le trasformazioni di Sanchez, la squadra di Riccardo Sancilles chiude alla grande la stagione. “Sono molto soddisfatto del percorso che abbiamo affrontato – spiega il tecnico -, i ragazzi sono cresciuti tanto e spero che continuino così anche nei prossimi mesi”.

Under 16

Minirugby, X Trofeo Città di Castello

Esperienza più che positiva per i ragazzi dell’Under 10 e Under 12 impegnati in Umbria. Agguerriti e mai domi, i ragazzi hanno dato una gran prova di maturità rendendo orgogliosi di loro i tecnici: “Devo spezzare una lancia a favore del gruppo – dice Andrea Mencarelli, tecnico dell’Under 12 -, grande impegno, correttezza e voglia da parte di tutti, ragazzi e genitori, sia dentro che fuori dal campo e una costanza nelle presenze degli ultimi raggruppamenti ammirevole. Adesso torniamo al lavoro per preparare al meglio questi ultimi raggruppamenti”.

minirugby

Under 14: Fano – Falchi 62-21. Inizio sottotono e distratto, poi recupero nel secondo tempo grazie ad un aumento del ritmo e del livello di attenzione. “Buona prestazione – ha detto il tecnico Gasparini – ma è chiaro che possiamo dare di più”.